Hai un minuto di tempo da dedicarmi? Ti chiedo di compilare questo questionario per darmi una mano a costruire il futuro del blog. Grazie! :)

Array di oggetti: Bouncing Ball, parte 4

È finalmente arrivato il momento di mettere insieme quanto imparato nell’ultimo mese, programmazione ad oggettiarray, e di concludere il nostro esercizio Bouncing Ball. La domanda a cui oggi daremo, finalmente, risposta è sempre la stessa: come faccio a creare decine o centinaia di oggetti?

Un array di oggetti

Riprendiamo il codice dell’esercizio Bouncing Ball dove l’avevamo lasciato. Il primo passo è dichiarare un array di oggetti di tipo Ball.

La prima riga del nostro programma serviva per dichiarare una variabile di tipo Ball (il nostro oggetto) di nome myBall.

Ball myBall;

Sostituiamo questa riga di codice con un array di oggetti: per mantenere il mio codice chiaro e leggibile modifico anche il nome della variabile da myBall (che identifica un oggetto solo) a myBalls, utilizzando il plurale.

Ball[] myBalls;

Nella funzione setup() dove, precedentemente, inizializzavo l’oggetto ora devo dichiarare grandezza del mio array. Decido di avere a disposizione 100 oggetti:

myBalls = new Ball[100];

Non mi resta che inizializzare tutti gli oggetti richiamando il constructor all’interno della nostra classe, per sveltire, utilizzo un ciclo for:

for(int i = 0; i < myBalls.length; i++) {
 myBalls[i] = new Ball(random(width), random(height), random(0.5 ,5), random(0.5, 5));
 }

Debugging di un array di oggetti

Con l’ultima porzione di codice abbiamo riempito il nostro array occupando tutte e 100 le caselle con 100 oggetti differenti assegnando a ciascuno di essi, grazie alle funzioni random, la posizione X e Y e la velocità sull’asse orizzontale e verticale.

Se volessimo essere sicuri di averlo fatto nel modo corretto, potremmo pensare di utilizzare, come abbiamo sempre fatto finora, la funzione println(myBalls);

Debugging an Array in Processing

Come potete vedere nell’immagine, il testo riportato nella console non è per niente chiaro. Trattandosi di un array, proviamo a sostituire println con printArray:

Processing: using printArray

Un risultato leggermente migliore: vediamo che ci sono effettivamente 100 oggetti, numerati da 0 a 99, ma facciamo ancora fatica a capire se il contenuto del nostro array è corretto.

Accedere alle variabili interne agli oggetti

Nei nostri esercizi relativi agli oggetti abbiamo imparato a usare la dot notation per richiamare i metodi all’interno degli oggetti. La riga di codice myBall.display() serviva per richiamare la funzione display() contenuta nell’oggetto creato precedentemente.

Utilizzando lo stesso metodo possiamo accedere anche alle variabili interne all’oggetto: scrivendo, ad esempio, myBall.ellipseX; verrà restituito il valore di ellipseX.

Dal momento che, però, non stiamo lavorando con un singolo oggetto ma con un array abbiamo due possibilità:

  1. accedere ai dati di un oggetto specifico: println(myBalls[34].ellipseX);
  2. utilizzare la variabile contatore nel nostro ciclo for per visualizzarli tutti

Aggiungiamo questa riga di codice all’interno del nostro ciclo for:

println("["+i+"] - ellipseX: " + myBalls[i].ellipseX);

Ed ecco che il risultato è finalmente comprensibile:

Processing accessing variables in objects

Bouncing Balls, parte 4

Concludiamo modificando il codice contenuto in draw() per vedere tutte e cento le nostre sfere rimbalzare sullo schermo.

Non ho incluso il codice della classe Ball perché non è stata toccata nemmeno una riga di codice. Se avete fatto tutto correttamente, il risultato sarà il seguente:

Bouncing Ball Final