Blocchi di codice e flusso: setup() e draw()

Oggi introduciamo due concetti di base molto importanti che ci porteranno a realizzare dei programmi interattivi con Processing.

Fino ad oggi, ci siamo limitati a scrivere una linea di codice dopo l’altra e abbiamo imparato che quando clicchiamo sul pulsante Run, se non ci sono errori, ciascuna di esse viene processata in ordine dalla prima all’ultima.

Gli sketch che abbiamo realizzato nelle scorse lezioni sono belli ma poco interessanti perché siamo abituati a utilizzare programmi che, una volta lanciati, cambiano aspetto in base al procedere del tempo e a come interagiamo con essi attraverso mouse, tastiera, ecc…

Pensate, ad esempio, allo screensaver del vostro computer oppure a un qualsiasi gioco per pc: tutte queste applicazioni partono da uno stato iniziale in cui vengono settate alcune impostazioni e, mentre il programma funziona, il computer controlla costantemente la posizione del mouse oppure se abbiamo premuto un determinato tasto. Idealmente questo controllo dovrebbe avvenire 30 volte al secondo.

setup() e draw()

In Processing esistono due funzioni molto importanti: setup() draw(). Prima di procedere con la spiegazione del loro funzionamento, dobbiamo capire come dividere in porzioni o, per meglio dire, blocchi il nostro codice in modo da suddividere in modo preciso le operazioni che saranno eseguite in fase iniziale di setup e quelle che, invece, saranno costantemente ripetute dal computer in draw.

Per delimitare l’inizio e la fine dei blocchi di codice si usano le parentesi graffe:

Vi chiedo di ignorare, per il momento, il significato di void e il fatto che, a differenza delle funzioni usate finora, non abbiamo inserito nessun parametro all’interno delle parentesi tonde; torneremo su questo argomento più avanti quando tratteremo in modo più approfondito le funzioni.

Ora possiamo riprendere alcuni esempi delle lezioni precedenti e ragionare su quali porzioni di codice siano da inserire in setup() e quali in draw(). Sottolineo ancora una volta che le linee inserite nel blocco di codice setup verranno eseguite una sola volta all’avvio del programma mentre, quelle nel blocco draw, saranno processate continuamente dal nostro computer a una velocità, di default in Processing, di 60 frame per secondo, d’ora in poi abbreviato in fps.

Impostare la dimensione della finestra è un’operazione che può e deve essere eseguita una volta sola; disegnare un cerchio in una determinata posizione e impostare il suo colore è un’operazione che, invece, può essere ripetuta.

Ecco dunque che questo codice, preso dalla scorsa lezione:

diventa:

Se copiate e incollate questi due esempi in Processing e cliccate su Run non noterete alcuna differenza a livello visivo ma il computer sta processando questi programmi in modo diverso:

Nel primo caso:

- Imposta la dimensione della finestra a 500x500px
- Imposta il colore di riempimento: RGB(255, 0, 0)
- Disegna un ellisse con centro x = 250, y = 250, largh. = 150 e alt. = 150

Nel secondo caso:

- Imposta la dimensione della finestra a 500x500px
- Imposta il colore di riempimento: RGB(255, 0, 0)
- Disegna un ellisse con centro x = 250, y = 250, largh. = 150 e alt. = 150
- Imposta il colore di riempimento: RGB(255, 0, 0)
- Disegna un ellisse con centro x = 250, y = 250, largh. = 150 e alt. = 150
- Imposta il colore di riempimento: RGB(255, 0, 0)
- Disegna un ellisse con centro x = 250, y = 250, largh. = 150 e alt. = 150
- Imposta il colore di riempimento: RGB(255, 0, 0)
- Disegna un ellisse con centro x = 250, y = 250, largh. = 150 e alt. = 150
...

Le ultime righe di informazioni sono ripetute 60 volte al secondo all’infinito finché non interrompiamo il programma premendo il tasto Stop.

La nostra prima animazione

Dal momento che con questo esempio non riusciamo a vedere nulla di diverso sullo schermo, rendiamo le cose un po’ più interessanti introducendo un’altra novità di cui parleremo in modo approfondito nelle prossime lezioni: anziché impostare una posizione x e y predefinita, disegniamo il nostro cerchio rosso in base alla posizione del mouse (mouseX e mouseY):

Ecco cosa accade:

Processing Animation

Anche se in questa immagine non si vede il cursore del mouse, il nostro occhio percepirà il movimento del cerchio come un’animazione: abbiamo creato il nostro primo sketch interattivo perché risponde a un input esterno e che cambia col passare del tempo.

A questo punto, per essere sicuri di aver compreso la differenza tra setup e draw possiamo domandarci: cosa accade se spostiamo background(0) dal blocco draw a quello di setup?

Questa volta il colore di sfondo viene impostato solo una volta all’avvio del programma, questo significa che ogni volta che verrà mosso il mouse, un nuovo cerchio verrà disegnato sopra ai precedenti.

Processing setup and draw